Home / In primo piano / A tu per tu con Filippo Fabbri

A tu per tu con Filippo Fabbri

Pippo, ciao, ben arrivato e benvenuto in Casa Tropical! Ti stavamo aspettando da un pò … Perché il Tropical?
“Ciao a tutti! Eccomi qui finalmente. Sì, erano diversi anni che con Tiziano si parlava della possibilità di poter vestire il biancorossoblù, poi purtroppo non se n’è mai fatto nulla per diversi motivi, ultimamente anche a causa della pandemia. Sono molto contento di essere qui, il Tropical è una società che ho sempre stimato ed ammirato perché composta da persone vere, serie e per bene. E’ la scelta perfetta per me anche perché ho trovato lavoro a due passi dal campo”

Un centrocampista con il vizio del gol… Presentati ai nuovi tifosi
“Sono una mezzala dinamica che fa dell’inserimento senza palla, della qualità e della corsa i propri punti di forza. In carriera ho sempre segnato abbastanza, spero di ripetermi anche quest’anno”

Le prime impressioni da giocatore biancorossoblù?
“Ottime direi! Confermo quanto si intuiva dall’esterno, l’ambiente è sereno e tranquillo, si riesce a fare calcio davvero alla grande e la società non ci fa mancare nulla. Mi avevano parlato molto bene di Marco Bucci e devo dire che quello che mi hanno raccontato è tutto vero: il mister è attento, preparato, cura molto i dettagli e soprattutto ha le idee chiare, ci sta trasmettendo allenamento dopo allenamento i suoi concetti e ciò che vuole dalla squadra”

A che giocatore ti ispiri?
“Steven Gerrard è sempre stato il mio punto di riferimento sin da bambino, ammiravo e ho sempre ammirato le sue gesta: tanta roba!”

In questi primi giorni di preparazione ci dici qual è il giocatore che ti ha impressionato di più?
“Sino ad oggi gli Under in generale. A mio modo di vedere il DS Tamai ha fatto un ottimo lavoro in questo senso, sono stati scelti giovani preparati, vogliosi di crescere e determinati”

Una previsione: siamo a maggio 2022, il campionato è terminato e il Tropical chiude in classifica al…?
“Con una squadra così giovane non bisogna porsi obiettivi ma vivere alla giornata, partita dopo partita. Penso però che abbiamo tutte le carte in regola per puntare a raggiungere una salvezza tranquilla e per fare questo non dovranno mai mancare entusiasmo, idee chiare, l’atteggiamento giusto e massima concentrazione perché sarà davvero un campionato tosto”

Proprio domani il CRER dovrebbe ufficializzare i gironi di Eccellenza. Che campionato sarà? Ti sei fatto un’idea?
“Attendiamo l’ufficialità, vediamo se saranno 3 gironi da 15 come da voci degli addetti ai lavori. Vedo favorite il Cattolica, la Fya, il Victor San Marino ed il Russi di Salomone. Per il resto ci sarà grande equilibrio dove anche noi potremo sicuramente dire la nostra e giocarcela senza paura con tutte”

Infine, ti senti di fare una promessa ai tifosi corianesi che, appena possibile, torneranno allo stadio per sostenervi?
“Non vedo l’ora di giocare in casa davanti al nostro pubblico. Di sicuro lotteremo con il coltello tra i denti ogni domenica fino al 95esimo: daremo il 100 per 100 cento sempre e proveremo anche a farli divertire. Ci vediamo al Grandi al più presto, vi aspettiamo!”