Il DS Cipriani in esclusiva per tropicalcoriano.com

1

Direttore, ci siamo? Il Tropical è “fatto”?
“Diciamo che la squadra è pressochè completa a livello di over. Stiamo invece effettuando valutazioni quotidiane frequenti per il capitolo giovani, abbiamo già parlato con alcuni ragazzi e stiamo attendendo risposte; nei prossimi giorni contiamo di ufficializzare qualche nome a partire dal portiere”

Quando si parte?
“Tra 1 mese esatto, il 29 luglio è la data ufficiale del primo allenamento della stagione”

Raccontaci e descrivici i nuovi acquisti
“Abbiamo effettuato innesti importanti per la categoria e per questo ringrazio tanto la società per avermi permesso di centrare gli obiettivi prefissati. Partiamo da davanti con Adrian Dumitru, attaccante che da anni si distingue come una delle punte più valide dell’intero panorama calcistico romagnolo; anche lui come tutti noi è chiamato ad una “prova”, ovvero mettersi in discussione in un contesto nuovo e allo stesso tempo molto eccitante. Poi ecco Nicola Palazzi, centrocampista dalle grandi qualità tecniche, un play: in lui riponiamo grandissima fiducia, il Mister ed il gruppo dovranno essere bravi a metterlo nelle migliori condizioni per poterlo far “girare” ed esprimere al meglio. Un altro rinforzo fortemente voluti è Nicola Giardi, centrocampista di temperamento con una grande voglia interiore di dimostrare di essere all’altezza della categoria. Manuel Battistini che al Grandi conosciamo molto bene e Diego Perazzini, laterale alto e basso, ex Fya, che ha già vissuto la categoria e che ha grande potenzialità e grandi margini di miglioramento essendo giovanissimo”

L’obiettivo della stagione?
“L’ambizione è quella di diventare una matricola, un osso duro per tutti, con l’idea di raggiungere una salvezza tranquilla quanto prima possibile. Non siamo i più forti ma sono sicuro che rappresenteremo un ostacolo per ogni squadra che andremo ad affrontare”

Eccellenza: che tipo di campionato è e sarà?
“Personalmente come dirigente diciamo che è nuova anche per me, è la prima volta che la affronto in questa nuova veste. L’ho vissuta da calciatore e posso dire che la differenza di categoria era molto più marcata anche perché eran tempi diversi con maggiore disponibilità economica per le società. Oggi ritengo che ci sia un “livellamento” rispetto a qualche anno fa e lo stacco è diventato meno netto. Ma non sarà affatto facile, è innegabile, viste le squadre e i nomi partecipanti, ma sono assolutamente ottimista”

Favorite?
“Credo che ci potranno essere delle sorprese come accade tutti gli anni. Non conosco e non conosciamo nel dettaglio tutte le squadre e di conseguenza mi è difficile fare nomi; anche perché dobbiam capire le partecipanti soprattuto nella zona di Bologna. Tra quelle che conosco, reputo il Diegaro una formazione che potrà probabilmente lottare per conquistare i piani alti del torneo

Ci sarà un allenamento in più?
“No, credo che rimarremo sulle 3 sedute per non stravolgere un meccanismo oliato e funzionante”

Quindi quest’anno per il Tropical non finirà come le altre due precedenti esperienze passate in Eccellenza…
“Non abbiamo assolutamente voglia di ricoprire il ruolo di comparsa. L’idea è quella di affermarci come realtà, di consolidarci nel campionato e ci proveremo con tutte le nostre forze”